Sanità, accordo del governo sul decreto Balduzzi. Tutte le novità

Il decreto Balduzzi – Il governo nella giornata di ieri, dopo una riunione durata circa sei ore, ha dato il via libera al decreto Balduzzi sulla sanità.
Nella conferenza stampa Monti ha spiegato gli obiettivi del decreto e la relazione tra la salute e la crescita del paese: “Noi vediamo nel capitale umano la componente essenziale della Nazione, ma anche dei processi produttivi e dell’economia italiana e quindi un più alto livello della salute è un vero e proprio asset produttivo del Paese“.

Le novità – Medici di base a disposizione 24 ore 24, annuncia il Ministro Balduzzi.
Tra le prime novità, le aggregazioni tra medici di famiglia, pediatri, specialisti ambulatoriali e guardia medica allo scopo di garantire ai pazienti un’assistenza 24 ore su 24. Stretta sulla libera professione intramoenia.
Il secondo punto riguarda le nomine dei primari, di cui si occuperà una commissione di tre direttori di una struttura “individuati tramite sorteggio da un elenco nazionale costituito dagli elenchi regionali dei direttori di struttura complessa”.
Novità in arrivo anche per le sale giochi. Diminuita la distanza da 500 a 200 metri tra le sale giochi e le scuole o università o ospedali e luighi di culto.
Sono previste anche “chiusure temporanee” di attività con giochi in denaro in presenza di fenomeni estesi di ludopatia, anche su segnalazione dei sindaci competenti per territorio“.
Inoltre il testo prevede di “limitare la pubblicità dei giochi con vincite in denaro con particolare riguardo alla tutela dei minori, esplicitare le probabilità di vincita e il rischio di dipendenza dal gioco, vietare l’accesso dei minori alle sale ovvero alle aree destinate al gioco, effettuare controlli mirati per verificare il rispetto di norme a tutela dei minori“.
Confermate le sanzioni per chi vende sigarette a minori: “E’ vietata la vendita dei prodotti da fumo ai minori di 18 anni con sanzioni per gli esercenti da 250 a 1.000 euro, che passano da 500 a 2.000 euro con la sospensione della licenza per tre mesi in caso di recidiva“.
Scatta poi l’obbligo, a partire dal prossimo anno, per presenza di almeno il 20% di succo naturale nelle bevande analcoliche alla frutta.
Sono vietati latte crudo e pesce nelle mense mentre alimenti dietetici e per bambini dovranno essere prodotti esclusivamente in stabilimenti autorizzati dal ministero della Salute.

Il commento di Balduzzi – L’obiettivo della “riorganizzazione integrata del sistema sanitario può essere sintetizzata con lo slogan sette giorni su sette, 24 ore su 24“, ha spiegato il Ministro.
Spendere meno per spendere meglio è il filo conduttore del provvedimento che comincia con il riordino dell’assistenza territoriale e del sistema delle cure primarie, un complemento virtuoso dell’assistenza ospedaliera virtuosa. La strutturarazione dei medici di famiglia 24 ore su 24, sette giorni su sette, esprime il messaggio: una nuova alleanza tra utente e medici di famiglia che richiede un’organizzazione integrata della medicina di famiglia”.

Matteo Oliviero