Italia, Prandelli spegne le critiche: “Non chiamatela ItalJuve”

Italia, conferenza stampa Prandelli – “Ma quale ItalJuve! Non è assolutamente così”: Cesare Prandelli spegne le polemiche nate per una nazionale colorata troppo di bianco e di nero. Il commissario tecnico, alla vigilia della partita contro la Bulgaria, prima sfida per il girone di qualificazione ai Mondiali 2014, puntualizza le proprie decisioni in tema di convocazioni: “Non è tutto merito di Antonio Conte se molti giocatori della Juventus sono qui con l’Italia: già prima che lui andasse ad allenarli erano nel giro della Nazionale, quindi è giusto che io rivendichi le mie scelte“. Sulla formazione: “De Rossi è ancora in dubbio ma spero di recuperarlo, Giovinco e Osvaldo sono in condizione fisica eccezionale e, per questo, li preferirò agli altri attaccanti”. 

Tra esordio e cammino – Prandelli mette in guardia i suoi giocatori: “Tutti danno il nostro successo per scontato ma non è così: la Bulgaria è un’ottima squadra, gioca un buon calcio e avrà motivazioni importanti contro di noi. Inoltre l’ambiente sarà molto caldo: le tifoserie dell’est sono sempre molto calorose”. Sul cammino per le qualificazioni: “Brasile 2014 è lontano ma noi dobbiamo già pensare a qualificarci. Dobbiamo trovare una certa continuità nel gioco ed essere anche generosi. L’Europeo ci ha regalato fiducia ed esperienza ma adesso è un’altra storia: dobbiamo rimetterci in discussione”. 

Edoardo Cozza