Paralimpiadi: Zanardi terza medaglia, Pistorius oro e record


Paralimpiadi – Terza medaglia, stavolta d’argento dopo i due ori conquistati in precedenza, per Alex Zanardi, che ha trascinato l’Italia al secondo posto nella staffetta mista di ciclismo, alle spalle degli Stati Uniti e davanti alla Svizzera. L’ex pilota, insieme a Francesca Fenocchio e Vittorio Podestà, ha dato il meglio in una gara “strana” che vede gli atleti scendere in strada tre volte per completare frazioni di due chilometri l’una. “Ciascuno di noi ha spremuto tutti i suoi muscoli per arrivare a questo risultato. Il ciclismo torna a casa con un bottino che neppure i più ottimisti avrebbero immaginato. Ora torno alla mia vita normale, cose semplici come portare mio figlio a scuola” ha commentato Alex, che stasera sarà il nostro portabandiera alla cerimonia di chiusura di queste Paralimpiadi che tante soddisfazioni hanno regalato ai colori azzurri.

Pistorius c’è – Dopo la delusione dei 200, Oscar Pistorius si rifà e porta a casa la “sua” gara, quella dei 400 metri – dove gareggia anche tra i normodotati – conquistando la medaglia d’oro e facendo registrare il nuovo record del mondo sulla distanza: 46’’68. Sbaragliata completamente la concorrenza: l’acerrimo rivale, il brasiliano Oliveira, ha chiuso solo quarto con 51’’59, ma anche i due atleti che hanno conquistato l’argento e il bronzo (gli statunitensi Leeper e Prince), si sono visti infliggere un distacco di quasi quattro secondi dalla stella sudafricana. Pistorius chiude così la sua Paralimpiade con due ori (l’altro conquistato in staffetta) e un argento, sui 200 metri.

Miro Santoro