Under 21, Mangia non si nasconde: “La sconfitta è colpa mia”

Devis Mangia non si nasconde. Anzi, si prende tutte le responsabilità della sconfitta di ieri: “E’ solo colpa mia“, chiarisce il ct dell’Under 21 dopo l’inaspettato tonfo contro i pari età dell’Irlanda. Il ko di Casarano, figlio di un’eccessiva rilassatezza e di qualche cambio di troppo, ha amareggiato e non poco il commissario tecnico degli azzurrini: “Quando vengono fuori prestazioni di questo tipo, dove si sbaglia tanto dal punto di vista tecnico e dell’atteggiamento, c’è una persona che deve prendersi la responsabilità perché non ha preparato a dovere la partita – ha spiegato Mangia alla fine della gara –. Quella persona è il sottoscritto, la responsabilità è mia. Non ci sono colpe individuali, ma va fatto un discorso generale“. Insomma, l’ex allenatore del Palermo scagiona completamente i suoi ragazzi.

Sconfitta storica – E dire che il 2-4 di ieri, seppur indolore dal punto di vista della qualificazione agli Europei del 2013 – gli azzurrini erano già matematicamente primi nel gruppo 7 -, ha avuto, ahinoi, una rilevanza storica: erano 10 anni che l’Italia Under 21 non perdeva tra le mura amiche. Mangia, però, non accetta critiche affrettate: “Troppi cambi? Se chiamo 25 ragazzi è perché penso che possano giocare in questa squadra. Dovevo verificare delle cose, le ho verificate e basta“. Punto e a capo, d’ora in avanti si pensa solo ai play-off: “No, non sono preoccupato – chiarisce il ct –. Dobbiamo tirare una riga, azzerare tutto e a mente fredda valutare le cose. Questa sconfitta può essere salutare, sappiamo quello che dobbiamo fare. Se analizzate nella maniera giusta, queste situazioni possono rivelarsi utili per il futuro“.

P. F. C.