Berlino: una busta sospetta fa evacuare il consolato Usa

Berlino, consolato Usa – Non bisogna abbassare la guardia, specie in questi momenti. E’ ancora alta la tensione per il vile assalto al consolato americano a Bengasi, tanto che un pacco sospetto, arrivato oggi negli uffici a stelle e strisce della capitale tedesca ha fatto scattare l’allarme. Il palazzo è stato parzialmente evacuato, anche perchè alcune persone, dopo l’arrivo del pacco, hanno lamentato problemi respiratori. Il tutto è avvenuto questa mattina intorno alle ore 11.30; adesso però la situazione si è normalizzata e l’edificio è stato ripopolato. Si analizzano con attenzione i filmati delle videocamere di sicurezza che hanno ripreso un uomo sospetto che si introduceva nell’ufficio passaporti: dovrebbe trattarsi di un cittadino albanese in cerca di un visto per gli Usa.

Polvere urticante – Sebbene sia ancora troppo presto per definire con certezza di cosa si sia trattato, probabilmente il plico conteneva della polvere urticante che ha provocato problemi respiratori ad alcuni dipendenti. Un uomo addirittura è stato ricoverato in ospedale. La polizia indaga sul caso e ogni dettaglio può essere prezioso per capire la dinamica dei fatti: “Poco dopo le 11 di questa mattina un uomo è arrivato al consolato e ha dato il proprio passaporto, dicendo che voleva un visto”, ha detto un portavoce della polizia. Quando l’impiegata ha aperto il passaporto ha avvertito difficoltà a respirare e ha sentito un gusto metallico in bocca“, ha detto il portavoce, che ha continuato: “gli investigatori stanno verificando se ci fosse una sostanza sospetta“. Vi terremo aggiornati su eventuali novità.

Rosario Amico