Berlusconi in Kenya tra dieta e riforma elettorale

L’ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, riesce sempre a far parlare di sé. Anche quando centellina le apparizioni pubbliche e diserta i conclavi politici. Stando ai ben informati, da sabato il Cavaliere si troverebbe a Malindi (in Kenya), ospite del resort dell’amico Flavio Briatore, dove starebbe cercando di dimagrire senza dimenticare di dedicarsi alle incombenze politiche.

La trasferta kenyota – Lunghe passeggiate, bagni mattutini e una dieta ferrea: sarebbe questa la ricetta su cui l’ex premier, Silvio Berlusconi, starebbe puntando per disfarsi dei fastidiosi chili di troppo accumulati negli ultimi tempi. Uno stile di vita sano, “vivacizzato” dalle chiacchierate con l’amico imprenditore, Flavio Briatore, titolare della struttura di benessere kenyota in cui Berlusconi si trova da sabato scorso. Il suo rientro in Italia potrebbe avvenire nelle prossime ore e già domani i giovani pidiellini di Atreju lo attendono a Roma per un faccia a faccia all’insegna della proverbiale schiettezza.

La riforma elettorale – In tanti aspettano che il fondatore del Pdl sciolga definitivamente la riserva sulla sua possibile ricandidatura a premier, ma – stando ai soliti ben informati – ad avere la meglio potrebbero essere i tanti “consiglieri” che spingono per mantenere un’area di mistero sulla questione e suggeriscono all’ex premier di non scoprire ancora le carte. Strategie a parte, il Cavaliere starebbe comunque dedicandosi (anche in Kenya) allo studio di una serie di dossier urgenti, a partire da quello che riguarda la riforma elettorale. A ingolosirlo sarebbe il sistema proporzionale alla tedesca, su cui potrebbe incassare l'”aiuto” parlamentare dell’Udc di Pier Ferdinando Casini che, nelle ultime ore, è tornato a rivendicare la propria autonomia da futuribili intese con i democratici di Bersani.

Maria Saporito