Cuneo: trova la moglie con l’amante e li uccide entrambi

Tragedia nel cuneese: uomo spara alla moglie e all’amante – La tragedia è successa la notte scorsa a Savigliano, un paesino in provincia di Cuneo: una guardia giurata di trentotto anni, Fabrizio Lottario, ha sorpreso la moglie a casa dell’amante ed ha sparato ad entrambi. Un delitto passionale, fatto di intrecci e tradimenti, è quello che si cela dietro alla drammatica tragedia che ha coinvolto la guardia giurata Fabrizio Lottario, e che ha fatto due vittime, la moglie, Manuela Grippo di 34 anni, e l’amante, Antonio Di Pasqua di 39 anni.

Le prime ricostruzioni dell’accaduto – Un raptus omicida è stato quello che ha travolto la vita di Fabrizio Lottario, la guardia giurata che ha sparato con la sua arma di ordinanza cinque colpi alla volta di Antonio Di Pasqua e di Manuela Grippo. La gelosia ha spinto l’uomo a commettere il più crudele tra i crimini: un assassinio. L’uomo ha freddato i due con alcuni colpi d’arma da fuoco. Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, sembra che l’uomo avrebbe sorpreso i due mentre uscivano dall’appartamento di Antonio Di Pasqua, l’amante; avrebbe poi estratto la sua pistola e avrebbe cominciato a sparare in direzione dei due, ferendo a morte l’uomo e ferendo gravemente la donna, che, chiamati i soccorsi, è stata trasportata all’ospedale Santissima Annunziata di Savigliano. La donna è stata successivamente sottoposta ad un delicatissimo intervento chirurgico, visto le condizioni critiche in cui è giunta in ospedale, ma per lei non c’è stato nulla da fare ed è morta subito dopo l’operazione.

La confessione e l’arresto – A chiamare i Carabinieri e i soccorsi è stato lo stesso Fabrizio Lottario che, dopo il fatto, si è costituito da solo. Gli inquirenti lo hanno interrogato per varie ore per ricostruire l’accaduto. L’uomo ha raccontato del travagliato rapporto che aveva con la moglie, da cui in passato si era anche separato.

Maria Rosa Tamborrino