Usa: professoressa allatta al seno la figlia in aula. Scandalo e polemiche

Polemica all’Università di Washington – È una vera e propria bufera quella che è scoppiata nella rinomata e prestigiosa Università americana di Washington dove una professoressa di antropologia, in carica da quattro anni all’interno dell’ateneo, ha portato in classe la sua bambina influenzata e, durante una sua lezione, ha allattato al seno la sua piccola per farla smettere di piangere.

L’insegnante che allatta al seno in classe – Il gesto dell’insegnante, Adrienne Pine, che insegna da quattro anni all’American University di Washington nel corso ‘Sesso, genere e cultura’, ha suscitato notevole imbarazzo e copiose sono arrivate le critiche alla volta della docente, solo per aver allattato la sua bambina al seno. Sia i suoi studenti, sia la stampa americana ha quindi attaccato la giovane insegnante, accusandola di scarsa sensibilità ed indelicatezza nei confronti della sua classe che stava ad assistere. Secondo quanto riportato dalla stampa americana, anche gli stessi studenti si sono divisi tra chi ha reputato il gesto di allattare la lattante come un gesto spontaneo e naturale, e chi invece l’ha considerato inappropriato per il contesto in cui la docente si trovava.

La risposta della docente – E proprio lei, Adrienne Pine, dal suo blog, dopo aver letto le numerose critiche arrivatele, ha voluto rispondere a quanti condannavano il suo gesto spiegando che “in quanto madre single senza aiuti e con un reddito limitato ho dovuto scegliere tra sacrificare la mia vita professionale o farmi strada a fatica sul lavoro”. Il suo non è stato un gesto di esibizionismo, dunque, ma una necessità, data dal fatto che la figlia in quei giorni fosse malata e perciò non poteva essere all’asilo. “Ho dato da mangiare alla mia bambina malata durante una lezione di antropologia femminista senza far spostare o cancellare il primo giorno di lezione. Dubito che chiunque abbia visto il mio capezzolo, perché sono molto brava a coprirli. Nel caso qualcuno ce l’abbia fatta, ora sa che anche io, un professore universitario, come tutti gli altri, ho i capezzoli. O almeno uno dei due”.

Maria Rosa Tamborrino