Siria: Incontro tra il presidente Assad e inviato Nazioni Unite

La televisione locale siriana ha dato notizia dell’incontro tra il presidente Bashar al Assad con l’inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba Lakhdar Brahimi. Oltre 18 mesi di crisi nel Paese, dove dal marzo scorso è in atto una vera e propria guerra sul territorio tra regime e ribelli, hanno devastato la Siria, con un numero di vittime altissime, anche tra donne e bambini. Il compito dell’inviato Onu è quello di proseguire il lavoro del suo predecessore Kofi Annan e arrivare a mettere in atto il piano di pace da lui definito. Per Lakhdar Brahimi l’appuntamento con il presidente Assad a Damasco è il primo da quando, due settimane fa, ha ottenuto l’incarico al posto di Kofi Annan.

Intanto in Siria le violenze continuano, senza alcun segno di essere vicini alla fine degli scontri. Secondo l’Osservatorio siriano dei diritti umani, solo nella giornata di ieri, sono state uccise 160 persone. Il presidente Assad continua la sua linea intransigente e continua a non mostrare alcuna intenzione di abbandonare la sua carica. In una delle sue ultime apparizioni televisive su Addouniya, tv privata filo governativa il presidente era intervenuto per denunciare un complotto internazionale nei confronti del Paese che ne impedirebbe l’uscita dalla crisi.

I. F.