Roma, Zeman deluso: “Abbiamo commesso errori grossolani”


Roma – È deluso Zdenek Zeman al termine della sfida della sua Roma contro il Bologna, sconfitta dopo un’incredibile rimonta messa a segno dai felsinei. Dopo un buon primo tempo chiuso con due reti di vantaggio, i giallorossi si sono sciolti negli ultimi 20 minuti incorrendo nelle solite amnesie difensive tipiche delle squadre del boemo che nelle interviste del post partita non nasconde le colpe dei suoi: “Ci siamo accontentati – dice il tecnico boemo a Sky Sport 24 – non siamo stati più aggressivi, non abbiamo cercato delle giocate e siamo andati in balia dell’avversario. Abbiamo preso tre gol su errori grossolani nostri e quindi li abbiamo aiutati”.

Il cambio di Piris – Dopo le due reti subite nel giro di un minuto, Zeman ha sostituito Piris con Marquinhos. Il tecnico giustifica così un cambio che sa tanto di bocciatura per il terzino paraguaiano: “Ho cambiato perché Piris nel primo tempo ha spinto tanto e nel secondo tempo non l’ha fatto più. È un brutto colpo, dopo il primo tempo ero contento. Dobbiamo stare sempre concentrati. Lavoriamo da più di due mesi insieme, qualcosa ci è riuscito e abbiamo fatto. Dare la colpa alle nazionali sarebbe facile, ma non è così. In dieci giorni non si dimentica il lavoro fatto in precedenza. Noi dobbiamo mantenere la concentrazione. Abbiamo cominciato bene anche oggi, poi le partite durano novanta minuti ed è normale che bisogna continuare a fare quello che sappiamo. Ma è questa la Roma di Zeman? Io spero di no, il mio concetto è cercare di stare corti come squadra e stare più lontani dalla nostra porta, oggi invece ci siamo messi sui sedici metri”. E, difatti, è finita male…

M. S.