L’appello di Al Qaeda: Uccidete tutti gli ambasciatori Usa

L’appello di Al Qaeda: Uccidete tutti gli ambasciatori Usa – Non scende la tensione nel mondo arabo sul caso del film ‘The Innocence of Muslims’, che sta scatenando violente e sanguinose proteste dei musulmani in diverse capitali del Medio Oriente e dell’Asia. Almeno 17 persone sono morte negli scontri scoppiati nei Paesi islamici a partire dalla scorsa settimana sulla scia dell’assalto al consolato Usa a Bengasi, in cui è rimasto ucciso, tra gli altri, l’ambasciatore statunitense in Libia. Al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) ha oggi invitato i suoi seguaci a ”seguire l’esempio” dell’attacco al consolato Usa a Bengasi e uccidere tutti gli ambasciatori americani nella regione per protestare contro il film blasfemo sulla vita di Maometto. A rivelarlo è il centro americano di monitoraggio dei siti islamisti, IntelCenter.

‘Seguite l’esempio di Bengasi’ – ”Chiediamo ai giovani dell’Islam di fare come i leoni di Bengasi, strappando e bruciando tutte le bandiere Usa che sventolano su tutte le ambasciate delle capitali islamiche”, recita il messaggio dell’organizzazione terroristica su un sito web jihadista, a una settimana dall’omicidio dell’ambasciatore Usa in Libia, Chris Stevens. ”Inoltre – prosegue il post – esortiamo la nostra gente ad espellere o uccidere tutti i diplomatici Usa per cacciarli dalle nostre terre e vendicare l’onore dei migliori del genere umano”. “Ci congratuliamo con i nostri fratelli combattenti musulmani che hanno difeso l’onore del nostro Profeta e diciamo loro: l’uccisione dell’ambasciatore Usa è il miglior regalo che potevate fare a questo governo arrogante e ingiusto”, conclude il comunicato di Aqim, braccio armato di al-Qaeda nel nord Africa.