M5S, Una polemica dopo l’altra: è la volta della Sardegna

Movimento 5 Stelle sempre in mezzo alla polemica. In Sardegna si contesta un’assemblea regionale e il caso scoppia sul web. E’ apparso infatti in rete un post intitolato “Piccoli Favia e Tavolazzi crescono anche in Sardegna” redatto da militanti  che si schierano contro i membri delle liste che hanno partecipato alle scorse elezioni comunali. Nel post inserito sui siti del Movimento 5 Stelle si riporta: “Le tre liste civiche della Sardegna (Alghero, Sennori e Quartucciu) hanno organizzato la Prima Assemblea Regionale del Movimento 5 Stelle. Tutto in perfetto stile partitocratico con tanto di Regolamento di partecipazione molto dettagliato e selettivo e svolgimento dei lavori rigorosamente a porte chiuse. Si parla di “strumenti di controllo degli attivisti” fino a paragonarli a quelli usati dalla Gestapo.

Ovvia la reazione dell’associazione Cinque Stelle di Cagliari che non solo hanno invocato l’intervento diretto di Grillo ma hanno anche replicato accusando i media di ingigantire ogni notizia negativa in uscita dal Movimento: “Ormai – hanno scritto in replica sul blog di Grillo – anche il più piccolo sussulto del web trova spazio sui media: basta che il bersaglio sia il M5S”. Post che è stato ripubblicato dallo stesso ledere del Movimento cinque Stelle sul suo profilo Twitter.

I. F.