Inter, Stramaccioni punta il Siena: “Sfatiamo il tabù San Siro”

Stramaccioni vuole sfatare il tabù San Siro. Dopo quattro partite senza successi, è arrivato il momento di ottenere i tre punti anche davanti ai propri tifosi: “Dobbiamo far parlare il campo – le parole del tecnico dell’Inter alla vigilia della sfida contro il Siena, in questo momento siamo concentrati per fare bene domani. Il tabù di San Siro è più nei numeri che nell’andamento delle gare, domani puntiamo ad invertire la rotta“. I toscani di Cosmi sembrano in difficoltà, ma Stramaccioni invita a non abbassare la guardia: “E’ un avversario ostico per le sue caratteristiche – spiega l’allenatore nerazzurro -. Fa molto bene fase difensiva, ma resta pericoloso davanti. Il nostro obiettivo è vincere davanti ai nostri tifosi: fare tre punti domani vuol dire restare agganciati al gruppo di testa“.

Difesa a tre? – Nell’elenco dei convocati c’è di nuovo Chivu, Stramaccioni potrebbe approfittarne per cambiare modulo: “Il recupero di Cristian per me è molto importante, completa la nostra batteria di centrali e mi permette di provare qualcosa di nuovo: la difesa a tre è un’alternativa da tenere in considerazione“. Niente da fare, invece, per Palacio, la cui assenza è avvolta da un alone di mistero: “C’è stata qualche complicazione, non è ancora pronto“. E’ prontissimo, invece, Antonio Cassano: “Lo vedo in grande crescita, giovedì ha fatto un’ottima gara“, spiega il tecnico dell’Inter, che sull’arrabbiatura di Sneijder a Torino glissa: “E’ un leader e vuole vincere a tutti i costi, queste reazioni non mi preoccupano“. Ultima battuta su Jonathan, uno dei peggiori contro il Rubin Kazan: “Capita di sbagliare, l’importante è rialzarsi: presto lo rivedrete in campo“.

Pier Francesco Caracciolo