L’appello di Benedetto XVI: Tutelare il matrimonio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:53

L’appello di Benedetto XVI: Tutelare il matrimonio “Un autentico progresso della società umana non potrà prescindere da politiche di tutela e promozione del matrimonio e della comunità che ne deriva, politiche che spetterà non solo agli Stati ma alla stessa Comunità internazionale adottare”. E’ l’appello che Benedetto XVI ha rivolto ai politici cattolici in occasione dell’udienza della delegazione dell’Internazionale Democratico-Cristiana, guidata da Pier Ferdinando Casini. “Il rispetto della vita in tutte le sue fasi, dal concepimento fino al suo esito naturale, con conseguente rifiuto dell’aborto procurato, dell’ eutanasia e di ogni pratica eugenetica – ha spiegato il Pontefice – è un impegno che si intreccia infatti con quello del rispetto del matrimonio, come unione indissolubile tra un uomo e una donna e come fondamento a sua volta della comunità di vita familiare”, ha sottolineato il Pontefice. Secondo Benedetto XVI “la famiglia, cellula originaria della società, è pertanto radice che alimenta non solo la singola persona, ma anche le stesse basi della convivenza sociale”.

Il monito ai politici – Il Papa ha anche ricordato “il monito del libro della Sapienza, secondo cui ‘il giudizio è severo contro coloro che stanno in alto’“. “Monito dato però – ha aggiunto – non per spaventare, ma per spronare e incoraggiare i governanti, ad ogni livello, a realizzare tutte le possibilità di bene di cui sono capaci, secondo la misura e la missione che il Signore affida a ciascuno”. Da qui deve derivare per gli uomini di potere “una costante attenzione alla Parola di Dio ed al Magistero della Chiesa, particolarmente da parte di coloro che, come voi, ispirano la propria attività ai principi ed ai valori cristiani“.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!