David Cameron “bocciato” in storia al Letterman Show

Davvero una bella figuraccia quella fatta da David Cameron, ospite al David Letterman Show: il primo ministro inglese è stato infatti colto impreparato in diverse domande di storia sulla Gran Bretagna. Alla faccia della prestigiosa educazione ad Eton ed Oxford, Cameron ha praticamente fatto scena muta a domande a cui ogni inglese non può non rispondere, come quella sull’autore dell’inno Rule Britanniae. Persino gli immigrati sarebbe poi capaci di rispondere all’altra domanda che gli è stata posta da Letterman, riguardante la traduzione dal latino all’inglese dell’espressione Magna Charta. Autocritico e non troppo imbarazzato, Cameron ha finito con lo scherzarci su, riconoscendo determinate lacune anche alla sua alta istruzione: “Al mio rientro a casa credo che mi toccherà ripassare un po’ di storia”- ha infine dichiarato.

L’intervista è stata registrata nello studio di Broadway del Late Show prima della partenza di Cameron per il Brasile in missione commerciale. Al momento la sua popolarità tra gli inglese non è proprio ai massimi storici, e ora tra i perbenisti inglesi l’interrogazione andata male a Cameron potrebbe essere giudicata degna di una severa “bocciatura”. D’altronde è stato lo stesso David Cameron ad aver ammesso di “essersi praticamente giocato la carriera” nello show e di “non essere al momento troppo popolare tra gli inglesi”…

R. C.