Francia: la 15enne e il prof inglesi fuggiti dove il rapporto con minore è legittimo

Londra – La scorsa settimana la studentessa 15enne Megan Stammers è fuggita  con il suo professore di matematica. Da allora tutta la Gran Bretagna si è mobilitata per cercare la ragazzina. L’insegnante, il 30enne Jeremy Foster, è ora sotto accusa ed è scattato un mandato d’arresto europeo nei suoi confronti. Megan e Jeremy sono stati visti l’ultima volta nel traghetto che va da Dover a Calais, nel nord della Francia, una settimana fa.

Ricerche in Gran Bretagna – Il patrigno di Megan, Martin Stammers, ha usato i social network per mobilitare la Gran Bretagna. Su Twitter scrive: «Per favore continuate con i vostri sforzi nelle ricerche, se potessi vi ringrazierei uno ad uno, il vostro aiuto è inestimabile». Il tabloid ‘The Sun’ ha stampato manifesti in inglese e francese per aiutare eventuali testimoni a identificare la ragazza. Secondo quanto si legge su SkyNews, la polizia francese ha spiegato alle autorità britanniche di non poter avviare un’indagine penale. La polizia quindi, contattata assieme all’Interpol dalle autorità britanniche per coadiuvare le ricerche, si è rifiutata di collaborare.

Rapporto legittimo – Il motivo dell’impossibilità di ricerche parallele in Francia è dovuto al fatto che nel paese in cui la coppia si è recata non è reato avere rapporti sessuali con una 15enne se questa è consenziente. In Francia non è quindi possibile una caccia a l’uomo se non c’è nessun crimine: quindi non c’è neanche la possibilità di ricorrere a strumenti di indagine come il controllo di cellulari e carte di credito.

 Michela Santini