Inter, Mancini esclude un ritorno: “Servono tecnici più giovani”

Roberto Mancini non tornerà sulla panchina nerazzurra. A spiegarlo è lui stesso ai microfoni di Radio2: “All’Inter sono stato benissimo, ma ci vogliono allenatori più giovani“, ha detto il manager del Manchester City durante il programma ‘Chiambretti ore 10’. Il riferimento, naturalmente, è ad Andrea Stramaccioni: “In Italia serve un po’ più di pazienza: quando si cambiano tanti giocatori non si può pensare che se si sbagliano due partite si debba già cambiare”. La pazienza è una virtù necessaria anche per allenare un giocatore come Mario Balotelli: “Deve capire che ha un grande talento e non può disperderlo così – ha ammonito il ‘Mancio’ –. Quindi le donne, le sigarette, la bella vita le lasci da parte e pensi a fare il giocatore“.

A – 4 dal Chelsea – Dopo aver vinto la Premier League nella scorsa stagione, quest’anno il Manchester City sta faticando più del previsto. Mancini non è troppo d’accordo: “Mi sembra che stiamo facendo benissimo, a parte la sconfitta di martedì: in due anni abbiamo vinto tutto – l’orgoglio del tecnico di Jesi – . In questo momento la squadra non è ancora in buona condizione, abbiamo dei problemini ma sicuramente li mettiamo a posto“. Il ko in questione è quello di Carling Cup contro l’Aston Villa, con tanto di sfogo contro l’allenatore Paul Lambert: “Sono cose che capitano – ha minimizzato il ‘Mancio’ –, ho detto ieri che non mi piacciono questi comportamenti perché in campo protestano tutti: è già successo un paio di volte e questo non mi piace. Tutto qui, finisce lì“.

Pier Francesco Caracciolo