Milan, Galliani raggiante: “El Sharaawy come Eto’o”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:43

Milan, Galliani- Finalmente la voce zero dallo score negativo del Milan tra le mure amiche è stata cancellata. I rossoneri, infatti, hanno battuto 2-0 il Cagliari con una doppietta di Stephan El Shaarawy. Il talentino italiano ha tolto le cosiddette castagne dal fuoco, almeno momentaneamente, al Milan che sta vivendo un periodo poco felice in campionato. Caso vuole che la prima vittoria a San Siro in campionato sia arrivata con l’assenza di Allegri sulla panchina milanista, causa squalifica dopo la trasferta di Udine. Galliani però rinnova la fiducia all’ex allenatore del Cagliari: “Sapevo che era una questione di tempo, l’allenatore non c’entra, lui ha la fiducia mia e del presidente Berlusconi. Mauro è molto più di un secondo allenatore, non ha rifiutato solo la panchina della Lazio, ma anche di altre squadre di serie A per restare al Milan“.

Modulo ed El Shaarawy- L’amministratore delegato rossonero ha visto una buona squadra e ha dei consigli per il modulo da utilizzare in futuro: “Abbiamo giocato meglio il finale con Ambrosini e De Jong davanti alla difesa. Ho detto a Tassotti e Allegri che è il mio modulo preferito, a me piaceva il Milan di Fabio Capello e quello di Leonardo. Quindi direi che il 4-2-fantasia non è da buttare via“. Galliani è rimasto colpito anche dalla prestazione di El Shaarawy, mattatore della serata: “Stephan mi è piaciuto molto . Corre, fa bei gol e va a coprire quando serve. Mi piacciono gli attaccanti che fanno anche i terzini, come Eto’o“.

 

Antonio Pellegrino