Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Matteo Renzi incontra Bill Clinton a Firenze

CONDIVIDI

Bill Clinton in visita da Matteo Renzi – Bill Clinton incontrerà nella giornata di domani il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, in vista delle primarie. L’incontro tra i due sembrerebbe di natura privata, ma il ‘sindaco rottamatore’, in piena corsa per la candidatura a premier, potrebbe trarre occasione da questa visita privata per creare un evento mediatico che supporti la sua causa e la sua candidatura.

Renzi sostenuto da Nerio Alessandri – L’ex presidente democratico americano, che è stato alla Casa Bianca dal 1993 al 2001, arriva qui in Italia per partecipare all’inaugurazione di un nuovo impianto di Tecnogym, un’azienda che produce attrezzi da palestra. Dopo l’inaugurazione del nuovo stabilimento, proprio Bill Clinton sarà il protagonista del Wellness Congress a Cesena, dove terrà una relazione contro il dilagare di obesità e malattie croniche. Particolare importanza in tutta questa storia ce l’ha il presidente di Tecnogym, colosso italiano delle attrezzature da palestra, l’imprenditore Nerio Alessandri, che è considerato uno dei più illustri sostenitore della candidatura di Matteo Renzi a candidato premier per il Pd.

Matteo Renzi e i suoi rapporti con il partito democratico americano – Non sarebbe la prima volta che la strada di Matteo Renzi e quella dell’America Democratica si incontrano e si allacciano: i più stretti collaboratori del ‘sindaco rottamatore’ di Firenze, da tempo, stanno tessendo una fitta rete di relazioni con i vertici democratici Usa, in particolare, durante la convention del partito democratico che si è tenuta a Charlotte e che ha nuovamente incoronato Barack Obama per la corsa alla Casa Bianca, dove proprio Matteo Renzi era presente. In quell’occasione, accompagnato dall’ex assessore alla cultura Giuliano da Empoli e dall’amico-consigliere Marco Carrai, il sindaco di Firenze, in corsa per le primarie del Pd, sembra aver preso contatti con John Podesta, ex capo di gabinetto di Clinton e uomo di peso tra i democratici, e con l’ex segretario di Stato Madeleine Albright. Proprio da quest’ultima era arrivato a Renzi, e non in particolare a Pier Luigi Bersani, l’invito alla convention.

Maria Rosa Tamborrino