Passera: Commissariamo le amministrazioni non virtuose

Nel suo intervento agli Stati Generali della Lega a Torino il ministro dell’Economia, Corrado Passera interviene sulla situazione economica italiana con ottimismo ammonendo però le amministrazioni poco virtuose e, alla luce degli scandali che hanno in questi giorni travolto la Regione Lazio, proponendone il commissariamento. “Bisogna premiare le amministrazioni virtuose, commissariare sul serio quelle che non lo sono per rimetterle a posto”, ha proposto il ministro Passera come soluzioni alle molteplici inchieste sulla gestione dei soldi pubblici.

Poi sulla situazione politica italiana apre con con ottimismo, parlando di un pericolo evitato: “Abbiamo superato un momento di gravissimo rischio. Il nostro Paese era vicinissimo a perdere la sua sovranità, la sua indipendenza. Ma il pericolo è stato evitato”.”Un Paese amministrato da commissari esterni – ha poi sottolineato – sarebbe diventato di serie B. Tutti insieme siamo riusciti a evitare questo rischio”. Tra gli obiettivi futuri mette tra i primi posti la riduzione delle imposte, commentando: “Quello della riduzione delle imposte, soprattutto nei confronti delle imprese, deve essere l’obiettivo numero uno di chiunque gli italiani manderanno al governo, da realizzare nei prossimi cinque anni. Ma in un momento di salvataggio del Paese e di recupero della credibilità internazionale farlo subito avrebbe fatto crollare il progetto”.

Il ministro Corrado Passera interviene poi sul federalismo, sostenendone la necessità: “Non abbiamo realizzato il federalismo di cui invece c’è bisogno. L’Italia è un Paese troppo diverso per fare le stesse cose dappertutto. Oggi il sistema è completamente imballato. Federalismo vuol dire che sia chiaro chi fa cosa e che ci siano responsabilità e risorse per realizzare le cose. Ci deve essere un rapporto tra le responsabilità date ai Comuni e i fondi per farvi fronte”.

I. F.