Olanda, infarto in campo: salvato da defibrillatore interno


Olanda – Evander Sno, centrocampista 25enne del Nec Nijmegem, squadra della massima serie olandese ha sofferto un arresto cardiaco durante la gara di campionato contro il Feyenoord, ma è stato salvato dal defibrillatore interno impiantato nel suo corpo e ha potuto abbandonare il campo sulle proprie gambe. Poi è stato trasportato in ospedale per accertamenti. Sno si è accasciato al suolo durante la partita. I soccorsi sono stati immediati. Ecco come racconta quegli attimi terribili il medico del Feyenoord, squadra padrone di casa: “A un certo punto ho visto nei suoi occhi il terrore. Ha avuto un arresto cardiaco, seguito dallo shock interno del suo defibrillatore”.

Il precedente – Nel settembre 2010, quando giocava nell’Ajax, Sno era stata colpito da un infarto durante una partita del campionato riserve contro il Vitesse. In quell’occasione, a salvargli la vita fu il defibrillatore presente a bordo campo. Su richiesta del calciatore, che non voleva smettere di giocare, gli fu impiantato un defibrillatore sottopelle, grazie al quale ha potuto continuare la carriera. Nell’estate 2011, Sno stava per trasferirsi al Genoa, ma saltò tutto a causa delle normative presenti in Italia: il regolamento calcistico italiano non permette infatti a un calciatore di giocare con un defibrillatore impiantato sottopelle. Sno è così tornato in Olanda, dove le regole invece gli consentono di giocare.

Miro Santoro