Pd: Bersani apre agli Stati Uniti d’Europa

Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, ha chiuso ieri la Conferenza nazionale per il Mezzogiorno che si è svolta a Lamezia Terme. Nel corso del suo lungo intervento, il democratico ha posto l’accento sulla necessità di investire sulla coesione europea per fronteggiare le emergenze imposte dalla crisi e dalla recessione. E sulla probabile ri-discesa in campo di Silvio Berlusconi: “Bisognerebbe spiegargli che non c’è più il campo”, ha ironizzato Bersani.

Cooperativa da costruire – “L’Europa è concepita come una specie di condominio, ma il problema è se da condominio si riesce a passare alla cooperativa, che vuol dire bilanci in comune ma anche democrazia e partecipazione. Servono gli Stati Uniti d’Europa“. A scandirlo ieri, nella giornata conclusiva della Conferenza nazionale per il Mezzogiorno che si è svolta in Calabria, è stato il leader del Pd, Pier Luigi Bersani“Man mano che i Paesi periferici dell’area europea si allontanano dal cuore dell’Europa – ha continuato il democratico – l’Europa si allontana dal resto del mondo”.

Coesione fiscale e politica – “Ci vuole una strada che porti ad un nuovo modello democratico, cioè gli Stati Uniti d’Europa – ha ribadito Bersani – E se questa è un’utopia, l’alternativa è il disastro”. “Bisogna intervenire subito per dare un segno e far sì che l’Europa si occupi di lavoro e recessione – ha spiegato il segretario del Pd –  E poi serve un patto fiscale che stringa le maglie di una linea economica fiscale comune. Bisogna tracciare una fase costituente europea perché non possiamo lasciare le opinioni pubbliche in braccio agli euro-scettici. Bisogna riaccendere la luce sulla coesione europeaha concluso il democratico – e far partecipare i cittadini a questo processo”. 

L’ironia su Berlusconi – Quanto al dibattito politico interno, incentrato – oltre che sulla sfida col “rottamatore” Matteo Renzi – sul possibile ritorno del Cavaliere: “Ho sentito di Berlusconi che torna in campo – ha detto Bersani – qualcuno dovrebbe dirgli che non c’è più neanche il campo”. “L’altro giorno è tornato a parlare di anticomunismo, uscita dall’euro, insomma, sempre le stesse cose – ha affondato il segretario del Pd – Riposi, glielo faccio io il programma a Berlusconi, tanto ormai lo so a memoria”.

Maria Saporito