Georgia: Saakashvili riconosce la sconfitta elettorale

Georgia: Saakashvili riconosce la sconfitta elettorale – Il presidente georgiano Mikhail Saakashvili ha riconosciuto la sconfitta del suo partito alle elezioni legislative di ieri e ha annunciato che passerà all’opposizione. “Come leader del Movimento Nazionale Unito dichiaro che il nostro partito passa all’opposizione”, ha annunciato il presidente georgiano. “Noi penseremo al futuro del nostro Paese come forza di opposizione e lotteremo per mantenere tutto ciò che è stato creato in Georgia negli ultimi anni e per il suo ulteriore sviluppo”. A detta di Saakashvili, “è impossibile immaginare la distruzione nei prossimi mesi o anni di tutto quello che abbiamo realizzato. Il presidente ha aggiunto di non condividere le posizioni espresse dalla coalizione vincitrice, ma ha sottolineato che la democrazia funziona così, le decisioni le prende la maggioranza, e noi dobbiamo rispettare questa scelta”.

Elezioni libere e competitive – L’affluenza alle urne è stata del 61% e, nonostante nelle ultime settimane di campagna elettorale fosse salita la tensione, non ci sono stati incidenti di rilievo. Persino gli osservatori dell’Osce hanno espresso soddisfazione in merito allo svolgimento delle legislative georgiane di ieri. Nel corso di una conferenza stampa a Tbilisi, gli osservatori Ocse hanno spiegato che il voto – che ha visto la vittoria dell’opposizione guidata dal miliardario Bidzina Ivanishvili – è stato un “passo importante” verso la democrazia.