Trasporti: altissima la percentuale di adesione allo sciopero

I primi dati relativi allo sciopero dei trasporti che ha avuto luogo nella giornata odierna, e che è ancora in corso, la percentuale di adesioni sarebbe stata altissima. Lo stop di 24 ore degli addetti al trasporto locale era stato proclamato da tutte le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Faisa Cisal per il mancato rinnovo del contratto scaduto nel 2007.

Lo sciopero è avvenuto con modalità diverse di città in città: A Roma sono state chiuse le due linee della metropolitana, le ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Viterbo e fermi il 70% degli autobus con punte del 90% tra le aziende private. A Milano chiuse le tre linee della metropolitana e fermi il 75% dei mezzi di superficie; a Napoli circumvesuviana, metropolitane e funicolari sono rimaste ferme oltre all’80% dei bus; Torino ha visto fermarsi il 90% degli autobus mentre a Venezia si sono fermati circa il 75% dei vaporetti e a Mestre il 90% dei bus; a Bologna le adesioni si attestano intorno al 95% nella circolazione su gomma; fermi oltre al 80% dei mezzi pubblici a Bari ed il 70% dei servizi urbani a Palermo.

Secondo i rappresentanti sindacali, l’alta adesione alla protesta è significativa dello scontento dell’intera categoria, e sperano che a seguito dello sciopero si sblocchi la situazione del rinnovo del contratto fermo al 2007. Nel caso in cui l’obiettivo non verrà raggiunto si dicono pronti a intraprendere nuove e maggiori iniziative per far sentire la propria voce, anche a costo di ricorrere a una grande manifestazione nazionale con il blocco totale di tutti i servizi senza garantire nessuna fascia oraria.

Marta Lock