L’allarme dei medici: La crisi incide sulla salute degli italiani

L’allarme dei medici: La crisi incide sulla salute degli italiani – Gli effetti della crisi si fanno sentire anche sulla salute degli italiani. Alle prese con i problemi quotidiani, un numero sempre maggiore di persone rinuncia alle cure o le rimanda a tempi migliori, con la conseguenza che lo stato psicofisico inevitabilmente peggiora. A lanciare l’allarme sono i medici di famiglia riuniti al congresso della federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) a Villasimius. Sono assai preoccupanti i dati che emergono da un’indagine del centro studi Fimmg: il 64,6% dei medici nota che i pazienti, a causa della crisi economica, trascurano il proprio stato di salute. Una percentuale che sale al 71,6% al Sud e nelle Isole. Sempre meno italiani vanno dal dentista e sempre meno si assentano dal lavoro per motivi di salute, temendo ripercussioni da parte del datore.

Il lavoro prima della salute – “L’indagine conferma anzitutto che il medico di medicina generale è un’efficace sentinella di quanto accade sul territorio del nostro Paese – sottolinea Paolo Misericordia, responsabile del Centro studi Fimmgi risultati della ricerca dimostrano che la crisi incide sul destino della salute della popolazione, che aumenta le diseguaglianze accentuando la divaricazione dei contesti sociali, che è in grado di condizionare il lavoro e la funzione del medico di medicina generale. Complessivamente gli italiani stanno peggio, rinunciano a curarsi, hanno la priorità del lavoro e rimandano le cure con ripercussioni potenzialmente devastanti, tutte da valutare”.