La denuncia di Grillo: Ladri e beneficiati

Ad alimentare e mantenere il sistema dei “ladroni” che affollano il Parlamento e i Consigli regionali sono gli stessi cittadini. E’ quanto ha scritto ieri l’animatore del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, in un post pubblicato sul suo blog. “Il Sistema sopravvive perché un numero sterminato di italiani ne trae vantaggioha denunciato l’ex comico genovese – Ventiquattro milioni di italiani, circa metà della popolazione, che non vede, non sente, non parla e vota per i partiti”.

La sindrome di Stoccolma – “In questo mondo di ladri i politici arrestati, rinviati a giudizio, condannati occupano interi notiziari. C’è materiale per una biblioteca di Alessandria del crimine”. E’ questo l’incipit dell’ultimo intervento pubblicato ieri da Beppe Grillo sul suo blog“Per molto meno in altri Paesi la gente sarebbe scesa in piazza, avrebbe assediato il Parlamento – ha scritto il fondatore del Movimento 5 Stelle – In Italia non succede”. Perché? “Tra le cause c’è la sindrome di Stoccolma per cui un intero popolo si è affezionato ai suoi carnefici”, ha continuato il blogger, ma la risposta più convincente va ricercata altrove.

Il vantaggio di chi vota – “La risposta definitiva alla Seconda Repubblica dei Ladri, impunita e tollerata dall’opinione pubblica è più semplice – ha precisato Grillo – E’ un discorso di pane e companatico. Quanti sono gli italiani che vivono di politica? I cerchi molteplici e senza fine che partono dai partiti per continuare nelle municipalizzate, per proseguire nei concessionari di Stato e, in cerchi più larghi, nelle cooperative rosse e bianche a cui sono commissionate piccole e grandi opere inutili, fino all’ultimo precario assunto in cambio di un voto?”. “I beneficiati sono una legione e votano – ha tagliato corto l’ex comico – Il Sistema sopravvive perché un numero sterminato di italiani ne trae vantaggio“. 

Maria Saporito