Perdo Rodrigues: premiato il presidente onesto

Premiato il leader Pedro Verona Rodrigues – Si parla spesso di storie di dittature, nepostismo, furti e disonestà. Ma ci sono uomini di Stato che, anche se non se ne sente parlare quasi per niente, hanno fatto lavori meravigliosi per il proprio Paese. Un esempio è Pedro Verona Rodrigues Pires, 77 anni, fino a poco fà presidente di Capo Verde. Di lui si è accorta la ricca fondazione Mo Ibrahim con il suo premio per i leader mondiali. Un premio che per molti anni la fondazione non si era sentita di attribuire a nessuno, mentre è stato premiato Pedro, con un assegno di 5 milioni di dollari.

Capo Verde – Sembrerebbe un riconoscimento più che meritato se pensiamo che nella sua legislatura ha portato Capo Verde dalla povertà allo sviluppo. Il presidente ha dato stabilità interna e credibilità economica all’estero ad un paese che, per essere un gruppo di isole di 500 mila abitanti, ha risorse straordinarie. Il tutto rispettando le regole della democrazia, senza fare favoritismi, riciclare denaro, far tacere le opposizioni. Quando è scaduto il suo secondo mandato, il benessere era tale che gli è stato proposto di modificare la Costituzione per continuare a governare, ma Pedro non ha accettato.

 Buon governo – Questo è uno dei pochi casi in cui l’onestà e il buon governo possano portare veramente a risultati considerevoli all’economia di un Paese, per quando sia povero. Una situazione che in poche altre Nazioni si verificherebbe, in un mondo in cui anche per i leader di Stato l’interesse personale va sempre prima dell’interesse della propria comunità.

Michela Santini