Roma: ucciso un pregiudicato romano di 45 anni

Roma, pregiudicato ucciso – E’ stato crivellato con una raffica di colpi Paolo Marfurt, un romano 45enne con precedenti. Quattro colpi l’hanno colpito al torace e uno alla nuca: gli inquirenti stanno indagando a fondo sulla vicenda ma pare che si sia trattato di un regolamento di conti tra pusher nell’ambito dello spaccio di droga. Vermicino, questo il paese alle porte di Roma in cui è avvenuto l’omicidio, stamattina è stato scosso da questa notizia: Paolo Marfurt, probabilmente attirato in una trappola, è stato ucciso a colpi di pistola. L’omicidio sarebbe stato commesso la scorsa notte intorno alle 23: i carabinieri hanno trovato il corpo della vittima in un parcheggio con ancora il casco in testa ed il suo motorino poco distante.

Indagare per capire – L’uomo era un romano con precedenti penali: nel 1994 venne arrestato per sequestro di persona e violenza carnale. La sua ex fidanzata raccontò tutto ai carabinieri e pose fine alla loro storia d’amore: lui, per vendicarsi, la violentò più volte segregandola in casa e malmenandola. Ieri, a 45 anni, Paolo Marfurt è stato tratto in inganno, attirato in una trappola mortale: appena arrivato nel luogo dell’appuntamento è scattato l’agguato e per lui non c’è stato scampo. Ben cinque colpi lo hanno raggiunto: l’episodio è da ricondurre ad un regolamento di conti nell’ambito dello spaccio di droga nei quartieri di Roma sud, Borghesiana, Ponte di Nona e Tor Bella Monaca.

Rosario Amico