Inghilterra: il caso di Olivia Manning, la bimba più intelligente di Einstein

Il caso di Olivia Manning, la bambina più intelligente di Einstein – Si chiama  Olivia Manning,  ha 12 anni ed è l’ultima arrivata al Mensa, il ‘club dei geni’ internazionale. Ma la cosa ancor più eccezionale è che la ragazzina, come riporta il Daily Mail, è stata ammessa all’esclusivo club in virtù di un quoziente intellettivo di 162, ben due punti in più del genio per antonomasia Albert Einstein. La piccola Manning, che frequenta la North Liverpool Academy di Everton e ama recitare, fa parte dell’1% delle persone più intelligenti del mondo: “Mi piacciono semplicemente le sfide, e far lavorare la mia mente – ha affermato la ragazza al quotidiano britannico – ma ora sono diventata famosa a scuola, e molte persone mi fermano per chiedermi di fare i loro compiti”.

Una scoperta casuale – A scoprire il piccolo e straordinario genio di Olivia è stata Stacey Meighen, la fondatrice di un club del ‘problem solving’ nella scuola frequentata da Olivia. La sua velocità nel risolvere i problemi ha convinto l’insegnante a farle provare il test di ammissione al Mensa, che ovviamente ha superato senza problemi, anche se la stessa ragazza ammette ora di essere rimasta senza parole alla vista del risultato. Il Mensa conta circa 110mila iscritti in tutto il mondo, ed è presente in 40 paesi di tutti i continenti.