Primarie Pd, Bersani incassa il sostegno di De Benedetti

Primarie Pd, Bersani incassa il sostegno di De Benedetti – Nella rovente corsa alla leadership del centrosinistra per le prossime elezioni politiche, il segretario del Partito Democratico Pier Luigi Bersani incassa il sostegno di Carlo De Benedetti.  Intervenendo all’inaugurazione dell’anno accademico del Collegio di Milano, l’editore di Repubblica, pur premettendo che le primarie sono un errore, si è augurato che “Bersani vinca”, ritenendo il leader democratico “una persona saggia ed equilibratache “non ci porterebbe verso nessuna avventura”.

Contrario alle primarie – Non ho mai avuto la tessera di un partito, mi era stata caldeggiata la numero uno del Pd ma non l’ho mai presa. Ho comunque votato Pd alle ultime elezioni ma se fossi stato Bersani non avrei fatto le primarie. Lo statuto del Pd prevede infatti che il segretario del partito sia il candidato premier. Tutto questo gran bordello non porta a grandi frutti”, ha rimarcato l’ingegnere. “Certamente il livello politico del Paese non è all’altezza delle sfide che dobbiamo affrontare. Penso che Bersani debba scrollarsi di dosso una nomenklatura che lo ha condizionato e che ha fatto male al Paese. Penso che lo farà. Non sono per le rivoluzioniha continuato De Benedetti – perché chiedono troppo tempo per diventare realtà. Bersani sta allevando una nuova classe politica. Non credo alla praticabilità di una rivoluzione in Italia. E se Bersani vincerà la corsa alle primarie sono certo che sarà una persona politica di grande rilevanza del prossimo Governo e farà crescere una classe politica più adeguata e con un cambio generazionale”.

R. E.