Bruno Contrada torna in libertà per fine pena

Bruno Contrada libero – E’ il lontano 1992 quando Bruno Contrada viene arrestato a Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa. Da allora un lunghissimo calvario per l’ex dirigente del Sisde con una lunga carriera in Polizia, tra processi, condanne ed assoluzioni durato fino ad oggi, giorno in cui può finalmente tornare in libertà. “Sono stato incriminato, arrestato, processato, condannato, poi assolto e ancora condannato ed incarcerato. Di tutte le accuse che hanno infangato e devastato la mia vita nessuna corrisponde al vero“, sono le parole dello stesso Contrada come riportate da Agi.it.

Dieci anni di reclusione – Bruno Contrada, da oggi uomo libero per fine pena, pubblicherà presto un libro dal titolo “La mia prigione. Storia vera di un poliziotto a Palermo“. Nello scritto l’ex membro del Sisde riporta aneddoti ed episodi dell’esperienza devastante del carcere. Contrada ripercorre tuta la sua vita professionale e non da quando nel 1962 approdò a Palermo, passando per i più importanti avvenimenti della sua vita, dal presunto coinvolgimento nella strage di via D’Amelio ai suoi rapporti con Falcone e Borsellino. Contrada, condannato a dieci anni, ha beneficiato di uno sconto della pena di due anni per buona condotta, trascorrendo gli ultimi 4 anni agli arresti domiciliari nella sua casa di Palermo per motivi di salute.

Rosario Amico