Lombardia, Formigoni tira dritto: Avanti fino al 2015

Lombardia, Formigoni tira dritto: Avanti fino al 2015 – Non ci sarà nessun voto anticipato al 2013 in Lombardia, al contrario “riprendiamo la prospettiva del 2015”, scadenza naturale della legislatura regionale. A dichiararlo ai microfoni di Radio 24 è il governatore Roberto Formigoni, che precisa: “Nel 2010 non avrei voluto confermare Zambetti (l’assessore alla Casa arrestato per sospette collusioni con la ‘ndrangheta, ndr) in giunta, “è stato un errore”. “Zambetti io non lo volevo“, perché “circolavano strane voci – continua il numero uno del Pirellone – . Aveva ragione il mio intuito. E’ stato un errore”. A chi gli chiede se la legislatura possa scadere ad aprile, come indicato dal leghista Salvini, Formigoni replica: “In Italia c’è in questo momento qualcosa di certo? Ieri abbiamo fatto un patto per continuare a portare avanti le politiche eccellenti della Regione Lombardia, dando un segnale forte all’opinione pubblica”.

Formigoni: Per noi parlano i risultati – “Questa stagione politica perché dovrebbe finire? – chiede il Governatore lombardo – Torniamo alla sostanza dei fatti, all’efficienza della Lombardia. Per noi parlano i risultati. Siamo efficienti nonostante qualcuno faccia quelle porcate lì, se saranno confermate”. Del resto, insiste Formigoni, “dimettermi significherebbe aprire, in un momento così difficile per l’economia, la crisi di una giunta che sta lavorando molto bene. Di fronte a una colpa straordinariamente grave, è meglio pensare all’interesse collettivo.