Milan, Berlusconi lascia? Gandini dice no: “Non andrà via”

Silvio Berlusconi non lascerà il suo Milan. Parola di Umberto Gandini, direttore dell’organizzazione sportiva del club di via Turati: “Credo che non andrà via“. Nelle ultime ore sono circolate le voci più disparate circa il futuro del club rossonero. La crisi che ha colpito il modo del calcio (e non solo) starebbe spingendo i vertici del Milan a vendere una parte delle quote azionarie ad un gruppo straniero in grado di introdurre nuovi denari nelle casse societarie. Berlusconi vuole riportare il club rossonero ai fasti del recente passato, ma per farlo ha bisogno di un “aiutino” economico. Ecco perché potrebbe affidarsi a qualche investitore russo (la Gazprom?) o, meglio ancora, agli sceicchi arabi: stando alle ultime indiscrezioni, Al Thani sarebbe pronto a rilevare il 30% del pacchetto azionario della società.

Uno dei migliori – Milan in vendita, dunque: ipotesi concreta o semplice boutade? Alla smentita di Galliani (“Non c’è niente di vero, ma non si può stare a smentire tutto“, ha detto ieri l’ad), oggi ha fatto eco quella di Gandini: “Non ho la sfera di cristallo, ma credo che Berlusconi non andrà via – ha assicurato il direttore dell’organizzazione sportiva del club rossonero nell’ambito del meeting ‘Leaders in Football’ –. A parte la Gran Bretagna, il resto d’Europa sta attraversando una grande crisi che anche gli azionisti stanno sentendo. E’ impossibile pensare che non ci saranno conseguenze anche per il calcio giocato, ma Berlusconi è uno dei migliori presidenti in circolazione: sono abbastanza sicuro che lui, la famiglia e l’azienda continueranno a sostenere il Milan“.

Pier Francesco Caracciolo