Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Trattativa Stato-Mafia, i Pm: Napolitano avrebbe immunità totale solo se fosse re

Trattativa Stato-Mafia, i Pm: Napolitano avrebbe immunità totale solo se fosse re

Trattativa Stato-Mafia, le intercettazioni telefoniche tra l’ex ministro Nicola Mancino e il capo dello Stato Giorgio Napolitano e il polverone che hanno sollevato per i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato non fermano i pm di Palermo che risponde al Quirinale sull’immunità presidenziale dicendo che Napolitano potrebbe goderne solo se fosse il sovrano di una monarchia.

“Un’immunità assoluta potrebbe essere ipotizzata per il Presidente della Repubblica solo se, contraddicendo i principi dello Stato democratico-costituzionale, gli si riconoscesse una totale irresponsabilità giuridica anche per i reati extrafunzionali. Una simile irresponsabilità finirebbe invece per coincidere con la qualifica di ‘inviolabile’, che caratterizza il Sovrano nelle monarchie ancorché limitate: una inviolabilità che – tenuta distinta dalla inviolabilità garantita dallo Statuto e dalle leggi a tutti i cittadini – implicava la totale immunità dalla legge penale nonché dal diritto privato quanto a particolari rapporti”. Così si legge negli atti depositati dalla Procura di Palermo nei quali si precisano anche il numero e le date delle intercettazioni che riguardano Napolitano. Quattro le telefonate in un arco di tempo che va dal 7 novembre 2011 al 9 maggio 2012: le telefonate effettuate da Mancino si sono avute il 24 dicembre 2011 alle ore 9.40 (durata 3 minuti), il 31 dicembre 2011 alle ore 8.48 (durata 6 minuti), il 13 gennaio 2012 alle ore 12.52 (durata 4 minuti), il 6 febbraio 2012 alle ore 11.12 (durata 5 minuti).

I. F.