Proposta shock: intitolare aeroporto di Forlì al Duce

Aeroporto di Forlì intitolato a Benito Mussolini – “Intitolare l’aeroporto di Forlì a Benito Mussolini” – questa è la proposta shock arrivata per bocca di Massimo Balzani, imprenditore e direttore di Unindustria Forlì, in un’intervista che lo stesso Balzani ha rilasciato al Resto del Carlino. “Per rendere più identificabile la città nel mondo, sfruttando il nome del suo concittadino più famoso. Il duce, appunto. Gli scali vicini di Rimini e Bologna? Beh, poi sarà un problema loro essere visibili. Sono sereno perché non sono fascista”. La notizia ha fatto il giro del web sollevando un polverone inimmaginabile. “E’ stato lui a volere questo scalo – ha ricordato Balzani – e il suo nome potrebbe garantirgli maggiore visibilità”.

Salvare lo scalo di Forlì dai debiti – Lo scalo dell’aeroporto di Forlì per ora è intestato a Luigi Ridolfi, aviatore forlivese della I guerra mondiale; il progetto iniziale prevedeva un’integrazione dello stesso con l’aeroporto Marconi di Bologna o con il Fellini di Rimini, ma la proposta è fallita miseramente perché l’aeroporto di Forlì vanta pochissimi passeggeri, a cui si aggiungono debiti di costruzione enormi.

Trovata pubblicitaria? – La proposta di Massimo Balzani potrebbe rappresentare anche solo una trovata pubblicitaria per dare risalto al problema dell’aeroporto di Forlì, ma, dopo il suo exploit è arrivata immediata la reazione di molti esponenti del mondo politico e non. La più fervente risposta a Balzani è arrivata dal consigliere regionale forlivese del Pd Thomas Casadei che ha espresso “la più netta contrarietà all’idea”, proponendo “una mobilitazione pacifica di tutti i cittadini di ferma opposizione ad un’idea sbagliata, strumentale, del tutto fuori luogo. La memoria della Resistenza e dei valori profondi della Repubblica democratica e della Carta costituzionale è ben salda nel territorio forlivese e a questa occorre dare futuro” – ha detto Casadei.

Maria Rosa Tamborrino