Eugenio Finardi in jazz al Bluenote di Milano

Eugenio Finardi in jazz, Bluenote, Milano. Torna dopo due anni al Bluenote di Milano e lo fa, una volta ancora, confrontandosi con un genere diverso. Eugenio Finardi è fatto così: dove c’è la possibilità di sperimentare, di percorrere nuove strade, di prestare la sua musica a nuove soluzioni, lui risponde affermativamente, da grande ed intelligente artista quale è.
E così, con Raffaele Casarano & Locomotive Quintet, alcuni dei suoi celebri brani rinascono con arrangiamenti nuovi, con il jazz a farla da padrone.

Il concerto. Dopo il successo di venerdì sera, il Bluenote risponde nuovamente con un tutto esaurito. Finardi, preceduto dalla band, viene accolto molto calorosamente dai presenti e lo show riesce a catalizzare letteralmente l’attenzione di tutti, aiutato anche dalla atmosfera e dalle luci soffuse che avvolgono il palco. Arrangiamenti che in alcuni momenti paiono davvero arditi impreziosiscono canzoni già stupende nelle loro versioni originali. Omaggi anche per alcuni evergreen del panorama jazzistico come Fever e Summertime. Il cantautore lascia grande spazio alle improvvisazioni e ai virtuosismi dei bravissimi musicisti che lo accompagnano, mostrandosi in molte occasioni estasiato e rapito dalla magia delle note del contrabbasso e del pianoforte che gli stanno a fianco.

Eugenio Finardi si dimostra ancora una volta grande sperimentatore e uno dei cantautori più apprezzati ed apprezzabili dell’intero panorama musicale italiano. In quale nuovo genere si butterà prossimamente? Le scommesse sono aperte.

Pier Luigi Balzarini