FIGC, Abete: “Legge sugli stadi? Ci vuole chiarezza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:49

FIGC, Abete – Tema scottante quello degli stadi italiani. Molti sono fatiscenti e nessun club, Juventus a parte, può godere dell proprietà dell’impianto, che garantirebbe un altro futuro al pallone nostrano. A parlare del tema è Giancarlo Abete, con le parole riportare dall’ANSA: “La legge sugli stadi? Serve chiarezza, ma io ci spero ancora. Mantenere questa sorta di limbo non è utile per nessuno. Se non ci sono le condizioni lo si dica subito e, pur rispettando la volontà del Parlamento, si metterà una pietra sopra e si andrà avanti comunque“. Il presidente della FIGC poi continua: “In 10 delle nostre 20 regioni non possiamo far disputare le partite della Nazionale. Possiamo farlo soltanto in 12 città e in Serie B soltanto a Modena“. Serve una svolta, ma che sia decisa e fatta in breve tempo.

Nazionale – Abete ha poi commentato il momento della nazionale italiana, fresca della vittoria per 3-1 a Yerevan contro l’Armenia: “Prandelli ha costruito un bel gruppo e l’ha dimostrato anche nella partita con l’Armenia“. Si entra poi nel merito della questione Osvaldo-De Rossi, ai ferri corti col proprio allenatore, Zdenek Zeman: “E’ fisiologico che i singoli calciatori possano vivere alti e bassi nei loro club, ma l’importante e’ che si ritrovino nella dimensione della Nazionale e possano far bene come De Rossi e Osvaldo“. Il numero 1 della FIGC quindi evita ogni tipo di polemica e rilancia il pallone ai diretti interessati, con la speranza che gli attriti possano terminare il prima possibile.

Alberto Ducci

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!