Monti: Dopo di noi sicuramente meglio

Il premier Mario Monti è intervenuto a Bologna alla 29° assemblea annuale dell’Anci e tenta in qualche modo di fare il punto sulla sua azione di governo e sulla fine del suo esecutivo consapevole di aver preso misure impopolari e di aver guidato un periodo di rigidità e ristrettezza. Guardando al dopo elezioni politiche Monti ha detto: “Abbiamo dovuto compiere un’operazione brutale, non abbiamo agito con un bisturi fine nei tempi lunghi, abbiamo dovuto evitare una catastrofe e dobbiamo sorprenderci che non si vedano per ora molti segnali di crescita? Non dobbiamo sorprenderci, era inevitabile”. Poi citando Kofi Annan ha detto: “I benefici della prevenzione si avvertono in un tempo lontano, diceva Kofi Annan. I danni di politiche economiche poco responsabili si avvertono in un futuro poco lontano”.

Poi anticipa che chi verrà dopo di lui e il suo esecutivo avrà un compito più semplice rispetto a quello che gli è spettato: Credo che i governi che seguiranno non potranno che essere migliori perché avranno capito, in base a quest’anno di esperienza, cosa i cittadini vogliono e cosa occorre al Paese”. Poi evoca il sì, poi arrivato, alla fiducia posta sul ddl anti-corruzione: “una legge contro la corruzione è lo strumento fondamentale per creare attrattività del Paese e crescita”.

I.F.

 

Tutti mi chiedono quando ci sarà la crescita e se guardiamo ai numeri ci aspettano ancora mesi difficili“.