Puglia: Vendola dice basta al patto di Stabilità

L’ultimo atto di “disobbedienza” del governatore pugliese, Nichi Vendola, è una delibera approvata ieri dalla giunta regionale per sforare il patto di Stabilità. Una “mossa” a sorpresa, attraverso la quale il leader di Sel ha rimarcato la propria contrarietà alle politiche imposte dal governo tecnico. “Non ha senso non spendere le risorse che abbiamo in cassa – ha spiegato il presidente della Puglia – Investiremo fino all’ultimo quattrino per  aprire cantieri e dare lavoro”.

Stop al patto di Stabilità: è quanto ha deliberato ieri il Consiglio regionale della Puglia su proposta del presidente Nichi Vendola. “È stato un atto d’amore nei confronti della Puglia e di lotta politica contro il governo Monti – ha spiegato il governatore ai giornalisti convocati per illustrare la clamorosa iniziativa – Una manifestazione di dissenso contro le ricette monetariste che stanno spingendo l’Europa verso una bufera recessiva. Perché dalla crisi – ha precisato il leader di Sel – si esce aprendo i cantieri e salvaguardando le ragioni dell’impresa e del lavoro insieme e, forse, colpendo le ragioni della finanza”.

“Non ha fondamento logico né economico l’idea che si debbano bloccare i cantieri per impedimento a spendere risorse che abbiamo in cassa – ha rincarato Vendola –  Penso che sia assolutamente di buon senso fare quello che abbiamo deciso di fare, mal sopportando la lezioncina leziosa e petulante di chi dice alle Regioni spendete le risorse comunitarie, fingendo di non sapere che non le possono spendere a causa del problema del cofinanziamento strozzato dal vincolo del patto di Stabilità”. Non solo: “Temo che molte amministrazioni saranno costrette a fare la stessa scelta che sta facendo la Puglia – ha vaticinato Vendola – perché a volte si tratta di decidere cosa ti consente di sopravvivere ancora per un pezzo”. “Ci vorrebbero relegare al ruolo di curatori fallimentari – ha affondato il numero uno di Sel – ma il governo regionale pugliese cercherà di investire fino all’ultimo quattrino per aprire cantieri e dare lavoro”.