Berlusconi tentato dalle fans: Presidente, non puoi mollare

Stando a quanto pubblicato ieri dall’edizione italiana dell’Huffington Post, un gruppo di fedelissime berlusconiane starebbe studiando il modo di prolungare l’esperienza politica del Cavaliere. La crisi certificata dai sondaggi avrebbe spinto queste irriducibili fan dell’ex premier a operare un pressing incessante su Berlusconi, teso a convincerlo dell’opportunità di dare vita a un movimento completamente nuovo, per il quale avrebbero ipotizzato il patriottico nome di “Fratelli d’Italia”.

L’indiscrezione dell’Huffington Post non trova al momento riscontro da nessun’altra parte, ma aiuta a raccontare la confusione all’interno del Pdl. Gli scandali e le divisioni intestine avrebbero spinto un gruppo di parlamentari devotamente legate a Silvio Berlusconi a mobilitarsi per scongiurare la sua definitiva “uscita di scena”. Una decisione maturata alla luce dei tracolli di consenso del partito e con le elezioni alle porte che rischiano di tradursi in una umiliante debacle. L’idea delle berluscones sarebbe stata esposta al Cavaliere in persona nel corso di una cena e avrebbe, inaspettatamente, incassato la compiaciuta reazione dell’ex premier.

Il grido accorato levato dalle sue fan: “Presidente, non puoi mollare. Solo tu ci puoi salvare” avrebbe, insomma, fatto gongolare Berlusconi, che si sarebbe spinto a promettere che ci avrebbe pensato su. Tra le animatrici del progetto: Micaela BiancofioreNunzia De Girolamo, Fiorella Ceccacci RubinoGabriella Giammanco e Barbara Mannucci. Cinque pidielline di bella presenza che non hanno mai fatto mistero della loro “passione” politica per l’ex premier e che hanno per questo deciso di mettersi alla guida di una “cordata” intenzionata a “riabilitare” il capo. La prima mossa delle berluscones è stata quella di mettere nelle mani dell’inseparabile assistente del Cavaliere, Maria Rosaria Rossi, il dossier sullo start-up del movimento, per il quale avrebbero ipotizzato l’enfatico nome di “Fratelli d’Italia”. Il “casting” per reclutare nuovi adepti si sarebbe già aperto e punterebbe a scovare facce fresche e disponibili a confermare la propria fedeltà al Cavaliere. La disinvoltura davanti alla telecamera e la spavalderia oratoria (ai limiti dell’aggressività) completerebbero il profilo del “fratello d’Italia” ideale.