Napoli, Mazzarri sul futuro: “Decido a fine stagione”

Napoli, Mazzarri – Brucia ancora la sconfitta subita a torino con la Juventus, ma Mazzarri non si arrende e guarda avanti. Con le parole riportate da La Gazzetta dello Sport, il tecnico del Napoli parla anche del suo futuro: “Vi spiego nuovamente la situazione, in estate ho fatto la scelta: per la prima volta in carriera sono in scadenza. E’ arrivato il momento di fare così per una serie di motivi, darò l’anima come sempre. A fine anno guarderò cosa ho fatto e cosa mi sentirò di fare. Anche Guardiola è sempre stato in scadenza, nessuno mai ha detto qualcosa“. Una scelta dettata dal maggiore bisogno di stimoli dopo tanti anni alla guida del club partenopeo, ma appare difficile che l’allenatore toscano possa lasciare dopo i tanti passi avanti fatti in questi anni.

Non mollare – Rispetto al match con la Juventus, Mazzarri spiega: “Ci sarebbero da dire tante cose, perdere con la Juve ci può stare. Ci dispiace, ma bisogna ragionare e guardare come si è perso. La sconfitta va accettata, ma bisogna valutare la crescita di questi anni. Dato confortante: siamo andati a Torino e imposto il nostro gioco alla Juve“. Dopo la partita di Torino, alcuni giornali hanno puntato il dito contro il fatto di non essersi presentato all’allenamento domenicale: “Mancavo all’allenamento? Ho letto su alcune testate che ero stanco, i tifosi hanno diritto di sapere la verità: dopo la gara con la Juve e aver valutato col mio staff, ho deciso di lasciare ai calciatori un giorno libero. Alcuni ragazzi che non hanno giocato i 90’ a Torino hanno chiesto di allenarsi, quindi l’allenamento di ieri è stato facoltativo. AI ragazzi ho messo a disposizione il magazziniere, il fisioterapista e il preparatore atletico“. Nulla di strano quindi, ma solo una grande voglia di ripartire da quanto di buono fatto vedere al cospetto dei campioni d’Italia.