Palermo: sequestro detersivi contraffatti

La Guardia di Finanza di Palermo ha effettuato un maxi sequestro di detersivi contraffatti, destinati alla vendita al dettaglio nei negozi e nei mercati. I militari stavano effettuando un servizio di controllo economico nel quartiere Brancaccio, quando hanno notato un gruppo di persone impegnate a scaricare molti bancali di merce da un tir. Gli uomini delle Fiamma Gialle si sono quindi appostate, scoprendo che la merce scaricata veniva accatastata all’interno di un magazzino privo di qualsiasi insegna commerciale e in condizioni fatiscenti.

Quindi sono intervenuti chiedendo alle persone presenti alle operazioni di scarico di poter visionare i documenti accompagnatori alla merce, evidenziando subito molte anomalie. Il controllo effettuato sull’azienda produttrice dei detersivi e delle colle presenti all’interno del magazzino ha rivelato che in realtà la società, con sede in Campania, era inesistente, perciò l’origine della merce risultava in realtà ignota.

Il totale del materiale sequestrato raggiunge un peso totale di 18 tonnellate, circa 8.352 fustini di detersivo e 4.800 confezioni di colla, rispettivamente a 8.352 e a 4.800, e, se immesso sul mercato avrebbe fruttato circa 150 mila euro. L’intera partita di merce è stata posta sotto sequestro, come anche il tir utilizzato per il trasporto, mentre l’autista del mezzo è stato denunciato a piede libero. Anche il proprietario del magazzino, risultato essere l’unico destinatario della merce, è stato tratto in arresto con l’accusa di ricettazione e traffico illegale di prodotti contraffatti.