Il vescovo ausiliario di Varsavia Piotr Jarecki, nella notte tra sabato e domenica è rimasto coinvolto in un incidente automobilistico, finendo contro un palo della luce. Al suo arrivo la polizia polacca ha constatato la presenza di un livello di alcool nel sangue troppo elevato rispetto ai limiti consentiti. Un livello che appare anche alto in assoluto, 2,5 grammi per litro di sangue (in Italia il limite è di 0.5, in Polonia è ancora più basso, corrispondente a 0.2). Ed è in effetti stato  lo stesso Jarecky ad ammettere per primo la sua colpa, rimettendo i suoi prestigiosi incarichi nelle mani di Papa Benedetto XVI e dicendosi disposto a seguire una cura apposita.

Rischia due anni di galera.  Cercando di  ristabilire il rapporto con i suoi fedeli, Il religioso si è poi scusato per aver tradito la fiducia degli stessi, precisando che “non si dovrebbe mai guidare sotto l’effetto di alcool”. La magistratura polacca ha comunque avviato un’indagine e il vescovo rischia ora fino a due anni di carcere. Jarecki dopo essere stato sopposto all’alcool test è stato rilasciato.