Denuncia shock primario pediatria di Taranto: “Qui neonati con cancro”

La denuncia shock arrivata direttamente dalle parole piene di rabbia di Giuseppe Merico, il primario della struttura complessa di pediatria dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto, hanno lasciato tutti allibiti: “Qui a Taranto ci sono bambini che nascono con il cancro”. La denuncia del primario è arrivata dopo che, proprio nella struttura ospedaliera di cui Merico è primario, sono stati registrati altri due casi in due neonati venuti alla luce solo pochi giorni fa.

L’allarme del prof. Giuseppe Merico lascia di sicuro senza parole. Secondo il primario di pediatria dell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto, sarebbe la stessa madre a trasmettere il cancro al proprio figlio, a causa della presenza di diossina nel latte materno. “Ci siamo accorti del cancro in questi bimbi già al quarto giorno di vita – ha raccontato il dottor Giuseppe Mericocon lo screening che si esegue per verificare eventuali malformazioni dei reni. Si tratta di due casi di neuroblastoma”. La conclusione di tutto questo, a detta del primario, è una soltanto: “Questo prova che nella nostra città c’è stato un danno genotossico. Ed è terribile”.

Tanti sono stati i casi di bambini appena nati già malati di cancro, riscontrati nella struttura ospedaliera tarantina dal prof. Merico. “La cosa più brutta nel mio lavoro è guardare negli occhi i genitori e dire che il loro figlio è ammalato di tumore. È un’esperienza straziante. A me, purtroppo, è capitato troppe volte. Mi sono trovato di fronte a bimbi di pochi giorni di vita e di sei mesi con il cancro. Possono averlo contratto solo geneticamente. E chi sopravvive a sua volta potrà trasmetterlo ancora”.

Per il prof. Giuseppe Merico la lotta contro l’inquinamento a Taranto è diventata la sua vera e propria missione; difatti nel 2007 è stato lui stesso a fondare l’associazione ‘Bambini contro l’inquinamento’, organizzando meeting e manifestazioni per smuovere le coscienze dei cittadini tarantini in primis, e più in generale di tutti gli italiani, su un tema così importante.