The Apprentice Matteo Gatti contro Menegazzo: Ha usato la morte del padre

Si è appena conclusa la finale di The Apprentice, che ha visto trionfare Francesco Menegazzo lasciando a bocca asciutta Matteo Gatti il quale non ha preso bene la sconfitta e si è lasciato scappare delle asserzioni alquanto sgradevoli, affidandole, poco furbescamente a Facebook. Ecco il commento “a caldo” del bresciano dopo aver perso la possibilità di lavorare per il Boss: “Usciamo dal nostro uovo – si legge sul social network – e proviamoci nella vita, qualsiasi cosa voi fate, siate o pensate di essere. Ho visto che tantissimi mi scrivono e mi seguono, io spero nel mio piccolo di avere dato un barlume a chi pensa che ogni mattina sia dura alzarsi dal letto per andare a lavorare, cercando di migliorarsi. Un abbraccio a tutti voi”

Dopo un incipit apparentemente pacifico Matteo affila le unghie e scrive: “MI SIETE TUTTI VICINO CON 10.000 MESSAGGI E VI RINGRAZIO. NON SONO INKAZZATO, LA MERITOCRAZIA IN ITALIA NON ESISTE AVEVATE RAGIONE VOI!!!!!! PIANGERE PORTA SEMPRE I SUOI FRUTTI. GATTI SI RIALZA E VINCE SEMPRE, TRANQUILLI!!!!!!!!”.
Questo post ha un chiaro riferimento, durante l’ultimo colloquio a Menegazzo è stato chiesto il proprio percorso personale, in quella sede il ragazzo ha raccontato di aver perso il padre dopo una serie di eventi pesanti. Se vincere era difficile Gatti ha dimostrato che perdere con eleganza lo è ancora di più.