Alfano: Berlusconi ha cambiato il domani

Impegnato negli ultimi scampoli della campagna elettorale siciliana, Angelino Alfano ha fornito ieri il suo commento sul passo indietro di Silvio Berlusconi“Ha cambiato il domani“, ha detto il segretario del Pdl, precisando che l’ex premier manterrà un ruolo importante nel partito. E sulle regole delle primarie: “Ci penseremo la prossima settimana”, ha tagliato corto l’ex Guardasigilli.

Il Cav e il futuro – Con la decisione di ieri, Berlusconi ha cambiato il domani“: è quanto ha detto ieri Angelino Alfano, a margine di un comizio elettorale a Trapani. Il presidente ha e continuerà ad avere un ruolo straordinariamente importante – ha assicurato il segretario del Pdl – Pensiamo che sia giunto il momento della ricostruzione del centrodestra italiano”. Nessuna uscita di scena, insomma, ma solo la scelta di mettersi da parte per consentire ai “giovani” di “giocare e fare gol” (immagine utilizzata dallo stesso Berlusconi), seguendo una logica che – secondo Alfano – il Cavaliere ha fatto sua da anni. “Il ricambio generazionale – ha spiegato il segretario – il presidente Berlusconi lo ha già operato con la nascita del suo governo perché ha schierato tanti under 40 producendo il più giovane governo della storia della Repubblica”.

Rafforzare il partito – “Ora – ha continuato l’ex ministro – si tratta di determinare con la forza del nostro elettorato e con il nostro stesso coraggio la più grande innovazione che il centrodestra italiano abbia ricevuto dai tempi del 1994″. E a chi gli ha chiesto di fornire maggiori dettagli sulle prossime primarie: “Ne parleremo la prossima settimana – ha temporeggiato l’ex responsabile della Giustizia – Di certo fino al 16 dicembre, data in cui si celebreranno le primarie del partito, non ci occuperemo di alleanze. Il nostro unico compito – ha ribadito Alfano – è rafforzare il partito”.