Dustin Hoffman apre il Torino Film Festival

E’ Quartet, esordio alla regia di Dustin Hoffman, il film scelto da Gianni Amelio per aprire la prossima edizione del Torino Film Festival che prenderà il via nel prossimo mese di Novembre. Un altro nome eccellente dunque, per questa che sarà l’ultima edizione diretta dal regista di Lamerica, che va a sommarsi a quelli di Ken Loach ed Ettore Scola, che saranno insigniti del Gran Premio Torino, e a quello di Paolo Sorrentino che sarà invece il presidente della giuria. Il prossimo 6 Novembre ci sarà la conferenza stampa di presentazione di uno dei festival più interessanti del panorama cinematografico non solo italiano, che negli ultimi anni ha visto notevolmente accrescere la sua importanza tanto da riuscire ad accaparrarsi nomi importanti come quelli fatti in precedenza.

Trama. Il film di Hoffman è tratto dall’omonima piece teatrale scritta da Ronald Hardwood, autore di importanti lavori per il palcoscenico come ad esempio Servo di Scena che presto vedremo sulle scene romane nell’interpretazione di Franco Branciaroli. La storia è quella di quattro anziani ex cantanti d’opera che tornano ad esibirsi per scongiurare la vendita della casa di riposo di  Beecham House in cui vivono. Ansie, vecchie rivalità e piccole miserie quotidiane saranno i sentimenti dominanti di questa garbata commedia da camera, un vero e proprio inno alla gioia di vivere, diretta con classe dall’attore di Un uomo da Marciapiede e tanti altri film che hanno fatto la storia del cinema. Qui poi Hoffman può fregiarsi di un cast di assoluto valore composto da Maggie Smith, Tom Courtenay, Billy Connelly,Pauline Collins e Michael Gambon. Insomma una scelta, quella di Amelio, che sembra anche un biglietto da visita e un modo tutt’altro che banale per salutare un festival di cui è stato eccellente direttore.