Marco Travaglio su M5S: “Non è l’antipolitica, anzi, salva la politica dall’antipolitica”

Nel pieno del lavoro per lo spoglio delle cartelle elettorali del voto per le regionali in Sicilia, molti sono stati i personaggi del mondo politico e del mondo del giornalismo che sono intervenuti a commentare i dati che continuamente si stanno aggiornando e che vedono come possibile vincitore il candidato del Partito democratico, dell’Udc, dell’Api e del Psi, Rosario Crocetta.

Oltre ai dati e alle percentuali ottenute dai vari candidati, un dato sensibile che molti hanno sentito la necessità di commentare è stato quello dato dall’affluenza alle urne: alle elezioni regionali siciliane 2012 i votanti sono stati il 47,42% degli aventi diritto, pari a 2.203.885 elettori. Il dato, rappresenta un record di astensione, ed è il più basso registrato negli ultimi anni nella regione Sicilia: nel 2008, ad esempio, quando si votò in concomitanza con le elezioni politiche nazionali, l’affluenza dei votanti siciliani era stata del 66,68%. Mai in Sicilia il dato dell’affluenza alle urne era sceso sotto al 50%.

E proprio riguardo all’astensionismo si è espresso quest’oggi il giornalista Marco Travaglio: “L’astensionismo e il BOOM di Grillo sono due facce della stessa medaglia. Pensiamo a quanta gente non sarebbe andata a votare in più se non ci fosse stata l’offerta del Movimento 5 Stelle, visto che ha votato meno della metà degli aventi diritto e visto che il Movimento 5 Stelle con il suo candidato è vicino al 20% vuol dire che l’astensionismo sarebbe aumentato di un ulteriore 10%, ossia quasi due siciliani su 3 sarebbero rimasti a casa”.

Il comico genovese Beppe Grillo assieme al movimento dei grillini suoi seguaci, il Movimento 5 Stelle, primo partito in Sicilia, è stato più volte definito come l’antipolitica. Il suo modo di fare politica, di parlare alla gente dalle piazze, di urlare con un linguaggio a volte scurrile quelle che sono le sue verità, ha suscitato spesso grandi polemiche, tanto da essere considerato, appunto, come un personaggio antipolitico. In sua difesa, oggi, ha parlato Marco Travaglio, che a sottolineato come “il M5S non fomenta l’antipolitica, ma anzi salva la politica dall’antipolitica, offrendo una proposta alternativa. Avvicina la gente alla politica anzichè allontanarla”.