Regionali Sicilia/Bersani entusiasta: “Risultato storico”

La lunga giornata caratterizzata dallo spoglio e dal conteggio dei voti per le elezioni regionali in Sicilia non è ancora finita, e i dati e le statistiche continuano imperterrite ad arrivare dagli organi di stampa. Molti hanno commentato i dati parziali di queste elezioni regionali siciliane, anche se, scrutinati oltre la metà dei seggi, l’esito di queste elezioni sembra oramai sufficientemente chiaro.

Proiettato verso la vittoria sembra, infatti, il candidato di Pd, Udc, Psi e Api, Rosario Crocetta, ex sindaco antimafia di Gela che si è assestato, finora, al 31% dei voti, seguito da Nello Musumeci, candidato del Popolo delle libertà e La Destra, con il 25,1%, Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 Stelle con 18,7%, Gianfranco Micciché, di Grande Sud e Mpa, con 15,1%. Giovanna Marano, sostenuta da Sel-Idv, è al 5,9%.

Trapelano intanto le prime dichiarazioni da parte del possibile vincitore della poltrona di presidente della regione Sicilia, Rosario Crocetta: “E’ la storia che cambia con me. In altri tempi uno come non sarebbe stato eletto”, ha detto l’ex sindaco antimafia di Gela dalla sua segreteria a Palermo, dove assieme ai suoi uomini sta seguendo lo spoglio dei voti. Ed ha poi aggiunto: “Sono riuscito in un miracolo mettendo assieme movimenti antipolitici e partiti”.

Lo stesso entusiasmo mostrato da Rosario Crocetta è stato manifestato anche dal segretario del Partito Democratico, Pierluigi Bersani che, cercando comunque di mantenere un certo distacco dalla notizia, almeno fino a quando non sarà contato l’ultimo voto, ha detto: “Se l’esito del voto regionale in Sicilia sarà quello che si sta delineando fin qui per noi si tratta di risultati storici. È la prima volta dal dopoguerra che c’è la possibilità di una svolta vera”.