Pressoterapia: drena e corregge gli inestetismi della cellulite

Quale tecnica può drenare il nostro corpo, correggere gli inestetismi causati dalla cellulite donando subito un certo benessere? Pare che la pressoterapia possa rispondere al meglio a tutte queste richieste, ma va sempre eseguita da mani esperte e bisogna fare comunque attenzione alle controindicazioni. Per tutte le donne che ogni giorno dichiarano guerra alla pelle a buccia d’arancia e alla ritenzione idrica, questa tecnica, è senza ogni ombra di dubbio una delle migliori alleate. Basta inestetismi, anche durante l’inverno, sotto strati di stoffa e tessuto, le nostre gambe e le nostre braccia devono comunque essere al massimo della forma, anche perché, nonostante il freddo occasioni per metterle in mostra non mancheranno di certo.

La procedura. Che cos’è la pressoterapia e come funziona? Questa particolare tecnica, in uso ormai da ben quindici anni, prende il suo nome dalla macchina che viene utilizzata e dal processo in se stesso. Si tratta di un trattamento estetico che aiuta a migliorare il sistema linfatico ed il sistema circolatorio tanto che, di solito, lo si effettua su gambe, braccia e pancia. In poche parole chi vi si sottopone otterrà tessuti più tonici, eliminerà i liquidi in eccesso e favorirà la circolazione  lottando, allo stesso tempo, proprio contro l’odiata cellulite guadagnandoci in estetica ed in benessere. Non è ancora chiaro, infatti, se si possa pensare alla pressoterapia come solo intervento estetico in quanto anche il sistema circolatorio e quello linfatico ne ricavano parecchi benefici tanto da ribaltare le carte in tavola. In fin dei conti se siamo in buona salute anche il nostro fisico appare più in forma. Come funziona tale trattamento? Ribadendo che occorre assicurarsi di rivolgersi sempre a persone esperte e preparate, in grado di coccolarci al meglio, è bene sottolineare come la prima fase del trattamento non preveda l’utilizzo della macchina. Si inizia infatti con un massaggio specifico adatto a riattivare il sistema linfatico e solo dopo si passa a introdurre la zona interessata nelle guaine della macchina pressoterapica. Ebbene, la guaina in oggetto è composta da diverse fasce che possono gonfiarsi e sgonfiarsi indipendentemente l’una dall’altra. Inutile soffermarsi sul fatto che al momento del trattamento vi sembrerà di essere un astronauta o la copia sputata dell’Omino Michelin in quanto i benefici, la sensazione di leggerezza e di benessere, saranno immediati e vi faranno dimenticare il possibile imbarazzo iniziale.

Controindicazioni. Non tutte, o tutti, potranno però sottoporsi a tale pratica. Vi sono, infatti, controindicazioni da tenere ben presenti. La pressoterapia è caldamente sconsigliata in caso di vene varicose, insufficienza cardiaca o arteriosa, trombosi e per tutte le lesioni che possono interessare gli arti da trattare. Anche le donne in gravidanza devono prestare particolare attenzione.